SAIL2 - Strumenti Interattivi Apprendimento Lingua 2nda -
  Home Contattaci
   Home Page  Italiano lingua seconda per lo studio
   Italiano lingua seconda per lo studio  
Stampa Indietro
 

Studiare una materia scolastica in una lingua diversa dalla materna (in lingua seconda o L2) è un'attività complessa cognitivamente e linguisticamente. Lo sforzo di sistematizzare ed elaborare le nozioni e le informazioni nuove si sovrappone a quello di comprendere, elaborare, acquisire e riutilizzare le strutture grammaticali, lessicali e testuali dell'italiano. Occorre poi sviluppare la capacità di padroneggiare più registri e varietà, almeno nella ricezione se non nella produzione della lingua: da una lingua colloquiale richiesta nell'interazione tra compagni e compagne, ad esempio in un lavoro di gruppo, a quella più formale dell'insegnante fino a quella altamente formale dei manuali e delle prove d'esame; dalla lingua dell'uso quotidiano alle lingue specialistiche delle materie; dalla lingua parlata delle attività in classe alla lingua scritta dei materiali di studio e dei manuali. Sono varie e numerose, infine, le azioni che l'allievo e l'allieva svolge, linguisticamente, mentre studia: ascoltare la spiegazione dell'insegnante, prendere appunti, leggere un manuale, interagire oralmente in un dialogo durante la lezione oppure in un'interrogazione, parafrasare un testo, riassumere e molte altre ancora.
Allieve e allievi non di madrelingua italiana non sono un gruppo omogeneo e compatto, e non solo per le individualità di ciascuna e ciascuno. Chi definisce il programma di studio e predispone i materiali didattici deve tenere conto di variabili che influiscono sull'efficacia dell'insegnamento/apprendimento. Si deve chiedere, per esempio, quanto i ragazzi e le ragazze a cui insegna già conoscono l'italiano, quanto già sanno della materia di studio, e quindi quanto grave è il carico di nuovi concetti e informazioni da elaborare in L2, quali sono le loro lingue madri, in quali contesti linguistico - culturali è avvenuta la precedente scolarizzazione, quanto sono loro familiari il sistema pedagogico e i programmi di insegnamento delle scuole italiane.
Il Protocollo di accoglienza rappresenta uno strumento per facilitare il primo contatto delle allieve e degli allievi straniere con la scuola e a
La complessità dell'obiettivo - studiare in lingua italiana - e l'eterogeneità dei bisogni formativi espressi dai singoli allievi e allieve impongono una didattica dell'italiano L2 per lo studio articolata e flessibile e sollecitano la domanda di materiali didattici diversificati.
Lilis - Laboratorio informatico di lingua italiana per lo studio  affronta uno dei nodi dell'italiano L2 in ambito scolastico: lo studio dei manuali.
I manuali spesso appaiono poco "leggibili", sia per la densità informativa e l'astrattezza concettuale, sia per le difficoltà di ordine lessicale, sintattico e testuali. La lettura, la comprensione e l'apprendimento di una pagina di un manuale, di storia, di geografia, di scienze naturali o di altre materie è l'obiettivo finale di Lilis. Ad esso si arriva attraverso percorsi di accesso che affrontano di volta in volta possibili difficoltà di ordine concettuale o linguistico. La facilitazione, in altri termini, riguarda diversi piani: il piano dei contenuti del testo, quello della loro organizzazione nella struttura informativa che il testo presenta, quello delle forme linguistiche. Si sono prese in considerazione, inoltre, le operazioni cognitive e linguistiche che attorno al testo fa chi studia in modo efficace: selezione, gerarchizzazione e riorganizzazione delle informazioni, controllo lessicale e studio delle parole nuove, rilettura e scansione di passaggi complessi sintatticamente, parafrasi, riassunto, confronto tra le informazioni ricevute da altre fonti (in primo luogo la spiegazione dell'insegnante a lezione), confronto tra le conoscenze già possedute e le nuove conoscenze acquisite nel testo. I percorsi creano una base di pre-conoscenze, disciplinari e linguistiche, che riducono lo scarto tra ciò che l'allievo e l'allieva conosce e il nuovo che deve imparare. In altri termini riducono la distanza tra già conosciuto e nuovo a quella misura che è la condizione perché ci possa essere nuovo apprendimento.
Poiché si tratta di materiali per lo studio dell'italiano come lingua seconda, l'attenzione è in primo luogo sulle caratteristiche linguistiche dei manuali, sugli aspetti sintattici e lessicali che li caratterizzano, come ad esempio l'uso di particolari locuzioni che appartengono ai registri formali della lingua (si situa, risale a ed altre simili). La finalità è quella di fornire ad allieve e allievi strumenti, sia linguistici che operativi, che li rendano autonomi nello studio. Agli insegnanti e alle insegnanti si propone un modello di percorso didattico che tiene conto delle esperienze e riflessioni teoriche condotte in questi anni nell'insegnamento dell'italiano lingua seconda, ed anche nell'ancora più lunga riflessione sull'educazione linguistica in lingua prima.
Lingua seconda e lingua prima (l'italiano per gli italiani), lingua per la socializzazione e lingua per lo studio non rappresentano opposizioni polari: rappresentano due assi lungo i quali si dispongono, in continuità, i livelli di conoscenza della lingua che ciascuno, o ciascuna, ha e le situazioni in cui utilizza la lingua italiana. Tenerlo a mente aiuta a superare l'opposizione allievi italiani/allievi stranieri: vengono in primo piano piuttosto configurazioni di volta in volta definite di bisogni linguistici. La lingua e la struttura testuale di alcuni manuali per la scuola rappresentano un ostacolo anche per alcuni ragazzi e ragazze di madre lingua italiana che, per i più diversi motivi, hanno una conoscenza della lingua materna limitata ai soli registri familiari e colloquiali. Per la flessibilità consentita dalla struttura ipertestuale, Lilis può essere utilizzato in risposta a diverse esigenze formative.

 

 
Realizzato da Cooperativa ANASTASIS Bologna